Dedicato alle Dolomiti Friulane il reportage di apertura di Touring di ottobre, la più diffusa rivista italiana di turismo

E’ dedicato alle Dolomiti Friulane il coinvolgente reportage con cui si apre il numero di ottobre di Touring – Il nostro modo di viaggiare, la più diffusa rivista italiana di turismo.
Edita dal Touring Club Italiano (la più autorevole e antica associazione di viaggiatori della penisola con 120 anni di gloriosa storia alle spalle), dal 2012 è realizzata in partnership con la prestigiosa National Geographic Society ed è pubblicata come edizione italiana di National Geographic Traveler, la rivista di viaggi che vanta 14 edizioni nel mondo. Intitolato “Le altre Dolomiti”, il servizio si articola in 8 pagine, scandite da una serie di fotografie spettacolari. Significativo il sommario “ A cinquant’anni dal disastro del Vajont, siamo tornati sulle montagne pordenonesi per capire quale sviluppo ha avuto un’area rimasta ai margini dei grandi flussi turistici. E abbiamo scoperto una realtà controcorrente, che punta tutto su piccole offerte di qualità e su spettacolari paesaggi ancora selvaggi”.
Inviato da Touring per realizzare il servizio è stato Stefano Brambilla, caporedattore della rivista, che ha visitato la scorsa estate le Dolomiti Friulane per raccogliere spunti, suggestioni e interviste, con il supporto di Montagna Leader.
Lo spunto di attualità da cui parte il pezzo è una riflessione sulla tragedia del Vajont, con intervista a Luciano Pezzin, sindaco di Erto e Casso e presidente del Parco Dolomiti Friulane.
Dalla diga “basta qualche chilometro e ti ritrovi in mezzo a torri di calcare, crode verticali, ghiaioni che si arrossano al tramonto” : sono le Dolomiti Friulane a fare da filo conduttore al dipanasi del seguito dell’articolo, che conduce il lettore, passo dopo passo, a scoprirne angoli selvaggi e paesaggi intonsi (la val Cimoliana, il campanile di Val Montanaia, la forra del Cellina, il lago di Barcis, l’orrido di Pradis ) ma anche tradizioni e culture (l’Eco Museo Lis Aganis), attività nella natura declinate in molteplici proposte (il Centro di nordic walking di Andreis, il Parco faunistico di Piampinedo, i campi archeologici a Clauzetto, il canyoning nelle gole di Pradis…).
Il servizio si conclude, come è nello stile di Touring, con la mappa dell’itinerario e una serie di informazioni utili al turista.

“Come ha perfettamente interpretato Stefano Brambilla, cerchiamo turisti di un certo tipo, che amino un certo tipo di montagna – commenta Giuseppe Damiani, direttore di Montagna Leader -Vorremmo emozionarli, facendo provare loro delle esperienze uniche e coinvolgenti, provando ad accompagnarli per mano attraverso il racconto della nostra storia, della nostra natura, dei nostri sapori.”
Il servizio è pubblicato anche on line su www.touringmagazine.it.

QR:  Dedicato alle Dolomiti Friulane il reportage di apertura di Touring di ottobre, la più diffusa rivista italiana di turismo

2 comments on “Dedicato alle Dolomiti Friulane il reportage di apertura di Touring di ottobre, la più diffusa rivista italiana di turismo

  1. […] Sono una sessantina di alberi di Natale decorati con originalissimi addobbi fatti a mano i protagonisti di Ad Andreis nevica la fantasia, che dal 1 dicembre al 7 gennaio invade gioiosamente di colori, luci, profumi questo piccolo borgo nel cuore del Parco delle Dolomiti Friulane. […]

  2. […] dedicato al canyonig nelle Dolomiti Friulane il servizio di apertura di Nautilus in onda venerdì prossimo 2 maggio alle ore 20.00 su Rtv […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On YoutubeVisit Us On FacebookCheck Our Feed