“2014 – un anno tutto alpino”, questo il tema del calendario della Sezione ANA Carnica.

Dal titolo “2014 – un anno tutto alpino” è stato edito, dalla Sezione Carnica dell’Ana, il calendario che scandirà le giornate, appunto, del 2014. In questa edizione le dodici fotografie che illustrano i vari mesi sono tutte del fotografo di Forni Avoltri Gino Del Fabbro, socio aiutante di quel Gruppo, mentre la grafica è del presidente sezionale Umberto Taboga, la stampa della Tipografia Moro Andrea di Tolmezzo.Il mese di gennaio si apre con una foto della zona sportiva dei laghetti di Timau. Sullo sfondo il monte Cogliàns e il Pizzo Collina. Il mese di febbraio è rappresentato dalla conca di Forni Avoltri coperta da una coltre di abbondante neve. A marzo la neve lascia lo spazio al verde della panoramica con la frazione del Comune di Arta Terme, Cabia (nota per la sua grappa), con, in lontananza l’abitato di Fielis. Aprile ci porta in alto. Siamo al rifugio austriaco Hochweisstenhaus sotto il Passo Oregone e la Creta Bianca. Il mese di maggio ci propone la maestosità della Chianevate vista da Val Collina. Giugno ci accompagnerà, invece con la bella facciata della trecentesca chiesetta dedicata a San Martino, a Socchieve. Luglio ci invita alle escursioni, tanto da portarci al rifugio Fratelli De Gasperi, versante meridionale delle Dolomiti Pesarine. Agosto propone una salita con l’aiuto della ferrata orientale del Chiadenis del massiccio del Monte Peralba (m. 2.694). Le turchine acque del laghetto del Passo Volaia, a 1.977 m., viste dal rifugio austriaco. Il cambio di colore della vegetazione ed un Cristo ligneo ci introducono il mese di ottobre. Il mare di nubi sopra la Val Degano, visto dal Crostis (m. 2.250), ci portano verso giornate più uggiose con il mese di novembre. Dicembre chiude, naturalmente, l’anno con la maestosa mole del Monte Cogliàns (m. 2.780) che, tutta innevata, si staglia sul cielo di un blu intenso.

Il calendario è stato stampato in un numero limitato di copie e messo a disposizione dei Gruppi della “Carnica” che l’hanno prenotato.

Fausto Coradduzza

Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *