EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE




Recensioni gratuite libri autori emergenti

Percorsi culturali nello spilimberghese. Un territorio d’arte tra ‘300 e ‘600

Iniziativa del Consoli TCI del Friuli Venezia Giulia aperta a soci e simpatizzanti.

Interessante proposta del Touring Club Italiano per domenica 4 ottobre alla scoperta dei giacimenti culturali di cui è ricco il territorio di Spilimbergo, in provincia di Pordenone, e in particolar dei ricchi cicli di affreschi che ne decorano chiese e pievi. L’idea per trascorrere una giornata inconsueta e piacevole, è rivolta non solo ai soci del TCI, ma anche a coloro che fossero interessati a questo piacevole programma. Intitolata “Percorsi culturali nello spilimberghese – un territorio d’arte tra ‘300 e ‘600”, la visita è organizzata dai Consoli TCI del Friuli Venezia Giulia e sarà accompagnata dal Vice Console TCI di Pordenone Ario D’Andrea

Barbeano Gianfrancesco da Tolmezzo 1489

Barbeano Gianfrancesco da Tolmezzo 1489

Oltre a far conoscere capolavori di Giovanni Antonio De’ Sacchis detto “il Pordenone” (quali i cassoni degli organi di Valvasone e di Spilimbergo), il percorso offre la possibilità di scoprire i principali cicli di affreschi che hanno preceduto e seguito l’opera del Pordenone e che nell’insieme segnano in modo straordinario l’arte rinascimentale in Friuli.

 “Ed adiviene ancora bene spesso che, cominciando uno solo, molti si mettono a far concorrenza di quello, e tanto si affaticano senza veder Roma, Fiorenza o altri luoghi pieni di notabili pitture, per emulazione l’un dell’altro, che si veggiono da loro uscir opere maravigliose. Le quali cose si veggiono essere avvenute nel Friuli particularmente, dove sono stati a’ tempi nostri, (il che non si era veduto in que’ paesi per molti secoli), infiniti pittori eccellenti mediante un così fatto principio” (Giorgio Vasari)

 Sulla sponda destra del Tagliamento, in una serie di chiese non troppo lontane tra loro, “eccellentissimi artisti”, come ancora dice il Vasari, hanno dipinto e scolpito fra i più importanti cicli di affreschi e sculture medioevali e dell’età umanistica del Friuli: il cuore di quella che è stata definita “la via maestra della pittura”.

Programma:

Ore 9.30/ 10.00

Raduno dei partecipanti in piazza Libertà di Valvasone, davanti al Domo

Ore 10,00

Chiesa dei SS. Pietro e Paolo
Affreschi del ‘400 e 1510 (Pietro da Vicenza)

A seguire:
Duomo di Valvasone
Opere del Pordenone e dell’Amalteo per l’organo, 1539

Provesano, chiesa di S. Leonardo
Affreschi di Gianfrancesco da Tolmezzo, crocifissione e giudizio universale, 1496

Barbeano, chiesa di S. Antonio Abate
Affreschi di Gianfrancesco da Tolmezzo, Natività e Porta del paradiso, 1489

Tauriano, chiesa di San Nicola (se in tempo)
Affreschi di Giampietro da Spilimbergo, storie di s. Nicola, 1503

Ore 12,15
Spilimbergo, Gioiello d’Italia e Città del mosaico per avere la più importante scuola al mondo di mosaico Belvedere con panorama sul Tagliamento e ricevimento in Municipio con autorità

Ore 13,00 – 14,30

Pranzo libero in centro storico.

Ore 14.30
Nel borgo antico di Spilimbergo: visita alla chiesa di Santa Cecilia (età longobarda, VI-IX secolo) e al Duomo di Santa Maria Maggiore (affreschi del ‘300 e ‘400, sculture del ‘400, pitture del ‘500 e ‘600).

A seguire:
Baseglia, chiesa di Santa Croce,
Affreschi dell’Amalteo con storie della Santa Croce e pala d’altare del Narvesa, 1550

 Lestans, chiesa di Santa Maria Assunta
Affreschi dell’Amalteo con tema della Redenzione, 1548

Notizie che ti potrebbero interessare:

QR:  Percorsi culturali nello spilimberghese. Un territorio d’arte tra ‘300 e ‘600

Comments are closed.