EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE




Recensioni gratuite libri autori emergenti

Un anno fa passava la Cometa ISON

Sono passati 365 giorni da quando la Cometa ISON è transitata al perielio, cioé il punto più vicino al Sole.
Era, infatti, proprio il 28 novembre 2013.
Scoperta nel settembre 2012, sin dal principio aveva fatto molto parlare di sé. Dalla sua orbita, infatti, gli astronomi hanno visto che si trattava di una Cometa definita “radente“, ovvero transitante molto vicina (astronomicamente parlando), al Sole. E’ stata definita la Cometa del secolo in quanto ci si aspettava che in prossimità della nostra stella acquisisse una luminosità tale da essere osservata in cielo persino di giorno ad occhio nudo. Il suo viaggio di avvicinamento al Sole, tuttavia, è stato accompagnato da centinaia di articoli e pagine web che parlavano delle anomalie di questo corpo celeste che, di volta in volta, venivano scoperte -od accentuate-. Ad esempio l’astronomo Ignacio Ferrin, dell’Università di Antioquia a Medellín, Colombia, in un comunicato stampa del 29 luglio 2013 ha dichiarato che “La curva di luce ha esposto un ‘evento di rallentamento’ caratterizzato da una luminosità costante, senza alcuna indicazione di tendenza ad un aumento di luminosità”. E che questo si è protratto per ben 132 giorni. Ed è strano poiché nel suo moto di avvicinamento al Sole una Cometa dovrebbe aumentare, anche se di poco, sia la velocità che la luminosità. E che dire dell’immagine proveniente dall’Hubble Legacy Archive?
L’articolo continua su Ufosullarete.it

banner_ison-200x200

Notizie che ti potrebbero interessare:

QR:  Un anno fa passava la Cometa ISON

Comments are closed.