EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE




Recensioni gratuite libri autori emergenti

Conclusa la personale di Marco Marra, omaggio dell’artista al Comune di Tolmezzo

Lunedi 29 settembre 2014 ha chiuso al pubblico l’interessante personale dell’artista carnico Marco Marra dal titolo “Alfabeto spaziale dell’estetica”.

Un'opera di Marco Marra in esposizione a Palazzo Frisacco

Un’opera di Marco Marra in esposizione a Palazzo Frisacco

La mostra, inaugurata il 9 agosto scorso, ha fatto registrare ampi consensi di critica e di pubblico, fattore questo testimoniato dalle numerose e qualificate recensioni e commenti espressi dai numerosi visitatori che hanno ammirato le opere esposte presso la sede comunale di Palazzo Frisacco.
Pittore e grafico, nato ad Arta Terme, Marra ha vissuto a lungo a Gorizia negli anni ’40, per poi rientrare nel suo paese d’origine dove iniziò la professione d’insegnante nelle scuole pubbliche.
Oltre all’impegno scolastico ha svolto anche attività di operatore culturale e di difesa del patrimonio storico ambientale della Carnia.
Ha presentato le sue opere in oltre settanta rassegne collettive e ha tenuto più di trenta mostre personali in Italia e all’estero. Dopo un esordio postimpressionistico, il suo linguaggio si è evoluto verso un astrattismo geometrico in cui è preponderante la ricerca di armonie spaziali, talvolta ispirate da concetti matematici e filosofici.

Un'opera di Marco Marra in esposizione a Palazzo Frisacco

Un’opera di Marco Marra in esposizione a Palazzo Frisacco

Marco Marra con le sue linee, sfere, colori che si intrecciano, creando suggestivi contrasti, ha affascinato i visitatori con il suo magico “astrattismo geometrico”.
L’artista, a conclusione della sua personale, ha voluto omaggiare il Comune di Tolmezzo per la gradita ospitalità donando uno dei quadri più importanti della sua produzione artistica dal titolo “Lo specchio della notte”.

Notizie che ti potrebbero interessare:

QR:  Conclusa la personale di Marco Marra, omaggio dell’artista al Comune di Tolmezzo

Comments are closed.